venerdì 2 maggio 2014

Salerno, accusati per danno erariale quattro persone tra cui due vescovi per la ristrutturazione della Colonia San Giuseppe

Due vescovi della curia di Salerno ed altre due persone hanno ricevuto l'invito a dedurre nell'inchiesta Colonia San Giuseppe.

Danno-erariale
Mentre Papa Francesco invita ad “una chiesa dei poveri per i poveri” assistiamo ad un altro caso di allegra gestione dei fondi regionali gestiti da due vescovi di Salerno insieme ad altre due persone. Vediamo i fatti: l'inchiesta parte dalla Procura Regionale della Corte dei Conti e riguarda il finanziamento regionale per la ristrutturazione della Colonia San Giuseppe di Salerno. Nel mirino dei magistrati l'arcivescovo Luigi Moretti, il suo predecessore, Gerardo Pierro e il presidente del consiglio di amministrazione e l'amministratore.

I quattro dovranno rispondere alla contestazione del danno patrimoniale arrecato alla Regione Campania per una cifra di 2.446.723,47 euro ottenuti per i lavori di ristrutturazione della Colonia San Giuseppe nell'ambito dei finanziamenti per strutture ricettive al servizio della collettività o comunque con destinazione pubblico-sociale nel Protocollo Aggiuntivo all'Accordo di Programma Quadro (A.P.Q.) “infrastrutture per sistemi urbani” così come stipulato tra il Ministero del Tesoro e la Regione Campania (anno 2001).

I militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardi di Finanza, su delega della Procura Regionale presso la Sezione Giurisdizionale della Corte dei Conti per la Campania però, hanno riscontrato che i lavori di ristrutturazione sono stati si compiuti, ma la Colonia San Giuseppe non rientra affatto negli ambiti del progetto e nel piano di finanziamento iniziale, ma la Colonia risulta essere una vera e propria struttura turistico alberghiera con finalità esclusivamente privata. La I Sezione Penale del Tribunale di Salerno quindi, è intervenuta con una sentenza di condanna (n° 1512/2012) nei confronti degli arcivescovi Luigi Moretti e Gerardo Pierro nonché del presidente e dell'amministratore della Colonia San Giuseppe i quali dovranno rispondere per i reati di cui agli artt. 110 e 640 bis del codice penale. Nel caso l'accusa fosse confermata i quattro sarebbero obbligati in solido a rispondere di di danno patrimoniale nei confronti della Regione Campania
html>