venerdì 23 maggio 2014

L'Europa non fornisce più il ”three drug cocktail”? Tranquilli, c'è sempre la cara, vecchia, sedia elettrica

A poco meno di un mese dall'esecuzione di Clayton Lockett, quando il famigerato ”three drug cocktail” fallì il suo scopo, il Tennessee annuncia il ritorno alla sedia elettrica

Sedia-elettrica
Il 29 aprile scorso in un carcere dell'Oklahoma è stato giustiziato Clayton Lockett per aver rapita, stuprata e sepolta viva una giovane donna, ma la sua esecuzione ha turbato le coscienze degli americani e ha fatto il giro del mondo: l'iniezione letale infatti non ha fatto effetto subito e l'uomo si è spento dopo lunghissimi minuti di agonia. Naturalmente anche il presidente Obama non ha potuto evitare di commentare il fatto e nelle sue dichiarazioni ha anche ammesso come alle volte la pena di morte, significativamente, possa essere legata a problemi di ordine razziale quando addirittura non sia stata eseguita su soggetti poi risultati innocenti.

Ci si aspettava quindi che l'opinione pubblica americana riaprisse il dibattito sulla controversa questione della pena capitale, ma la lezione di oggi è una vera e propria mazzata: nello Stato del Tennessee, viste le sempre maggiori difficoltà nel reperire il mix di sostanze per produrre le iniezioni letali, grazie al boicottaggio delle case farmaceutiche europee, il famigerato”three drug cocktail” (un sedativo, un paralizzante ed un farmaco letale) si è deciso di tornare al vecchio sistema della sedia elettrica mentre nel Wyoming è in esame un progetto di legge per la reintroduzione della fucilazione.

In Italia, per fortuna, il problema non esiste anche se, visti i toni sempre più aspri di questi giorni nell'ambito della campagna politica per le elezioni europee, vista la virata a destra della Francia di Marine Le Pen, e visti anche i ventisecessionisti e intolleranti di alcune zone del nord (non soccorrere gli emigranti in navigazione equivale a condannarli a morte e, se nel caso di Clayton Lockett si trattava di un brutale, criminale assassino, tra coloro che attraversano il mare nel tentativo di sfuggire alle guerre e alla fame ci sono molti bambini innocenti) non si può escludere nulla a priori. Resta però una sottile inquietudine nel pensare che, date le difficoltà oggettive nel procurarsi i farmaci adatti per confezionare il famigerato ”three drug cocktail”, i 32 Stati americani che ancora prevedono la pena di morte non esitino a far ricorso a sistemi ancora più barbari come la sedia elettrica e la fucilazione. Il lodevole impegno dell'Europa nel boicottare gli Stati Uniti in realtà ha rivelato il suo effetto boomerang: pur di uccidere un condannato a morte si può ricorrere a tutto. Terminate le cartucce o in caso di black out perché non darli in pasto ai leoni?
html>