venerdì 30 gennaio 2015

La soria di Hur ed Hor

Hur-ed-Hor

La soria di Hur ed Hor, il giorno che mi accorsi di essere presente

Testa grossa e un corpo minuto, lanciai il primo vagito come un misto tra riso e pianto: che strano avere gli occhi aperti!
Quanta gente intorno a me e quanti suoni netti che mi pizzicano da tutte le parti!
Apro e chiudo le mie piccole mani e ancora non so perché, in nove mesi che ho vissuto nell’acqua era tutto onirico: la favola di due cellule che danno vita a un popolo di 100,1000, miliardi di cellule ed ecco sono io, un piccolo cosmo che nasce, cresce e morirà.
html>