venerdì 17 maggio 2013

La flotta russa torna nel Mediterraneo :: Cammini Politici

La flotta russa torna nel MeditDopo i tempi della guerra fredda la flotta russa torna nel Mediterraneo. La notizia è stata resa nota dal capitano Roman Martov in qualità di portavoce della marina militare sovietica. Partita dal porto di Vladivostok lo scorso 19 marzo ha attraversato il Canale di Suez con destinazione Limmassol, porto situato nell'isola di Cipro. La flotta si compone da diverse unità tra cui la portaerei antisommergibile Ammiraglio Panteleev, le navi da battaglia anfibie Peresvet e Ammiraglio Nevelskoi, la nave cisterna Pechenga e il rimorchiatore per interventi di salvataggio Fotiy Krylov. Le unità schierate nello scacchiere del Mare Nostrum si affiancano a quelle già presenti: la nave anti-sottomarini Severomorsk, la fregata Yaroslav Mudry, i rimorchiatori Altai e SB-921, la nave cisterna Lena, riposizionata dalla flotta del Nord e del Baltico e la portaerei Azov della flotta del Mar Nero. La Russia aveva mantenuta operativa la Quinta Flotta del Mediterraneo dagli anni 1967 al 1992 in contrapposizione alla Sesta Flotta della Marina americana per contrastare un eventuale attacco nucleare da parte degli USA sul territorio russo occidentale. La mossa intrapresa dal presidente Vladimir Putin è questa volta, mirata alla sorveglianza delle acque mediterranee in vista di un possibile sviluppo del conflitto che sta dilaniando la Siria. Gli occhi dell'attenzione internazionale sono ora puntati sui rischi di escalation di questa guerra dopo che è stato accertato l'uso di armi chimiche da parte delle forze governative fedeli ad Assad. L'Unione Sovietica è fortemente interessata a mantenere una certa ascesa sulla Siria che le garantisca un accesso da terra sul mediterraneo, ma ora il rischio è che, se non si arriva alla deposizione del leader siriano e alla successiva costituzione di un governo di transizione che porti il Paese a delle libere elezioni l'area in questione potrebbe finire in mano a gruppi terroristici senza controllo in quella delicata area del medioriente.



html>